news
10 Luglio 2017 Sessione europea del Consiglio comunale

30° Anniversario del Programma Erasmus, seduta del 10 luglio 2017

06 Luglio 2017 Parco agroalimentare e Bilancio ambientale preventivo 2017

Delibere e odg collegato approvati in Consiglio comunale lunedì 3 luglio 2017

27 Giugno 2017 Fondazione Teatro Comunale di Bologna

Approvata delibera per contributo straordinario. Seduta di lunedì 26 giugno 2017.

20 Giugno 2017 The Student Hotel e CAAB

Delibere adottata dal Consiglio comunale, lunedì 19 giugno 2017.

13 Giugno 2017 Regolamento di classificazione delle strade del territorio comunale

approvata delibera di modifica

05 Giugno 2017 Minuto di silenzio per i fatti di Londra

Seduta di Consiglio comunale del 5 giugno 2017

29 Maggio 2017 Delibere approvate in Consiglio comunale

Seduta di lunedì 29 maggio 2017

22 Maggio 2017 Delibere approvate in Consiglio comunale

Lunedì 22 maggio 2017

26 Maggio 2017 Trigesimo di Giorgio Guazzaloca

Seduta solenne del Consiglio comunale venerdì 16 maggio 2017

15 Maggio 2017 Delibere approvate in Consiglio comunale

Seduta di lunedì 15 maggio 2017

09 Maggio 2017 Adesione all'iniziativa “M'illumino d'Erasmus”

Illuminazione in blu e giallo del Palazzo del Podestà, Festa dell'Europa - 9 maggio 2017

09 Maggio 2017 Contratto di sindacato dei soci pubblici di Hera dell'area di Bologna

Delibera approvata dal Consiglio comunale lunedì 8 maggio 2017.

08 Maggio 2017 Commercio su aree pubbliche

Delibera approvata in Consiglio comunale

24 Aprile 2017 Delibere approvate in Consiglio comunale

Seduta di lunedì 24 aprile 2017

19 Aprile 2017 Delibere approvate in Consiglio comunale

Seduta di mercoledì 19 aprile 2017.

11 Aprile 2017 Delibere approvate in Consiglio comunale

Seduta di lunedì 10 aprile 2017

11 Aprile 2017 Solidarietà ai lavoratori della ex BredaMenarini e sollecito dell'attuazione di un piano industriale di rilancio dell'azienda

Unanime adozione di odg dell'Ufficio di Presidenza in Consiglio comunale.

10 Aprile 2017 Ricordo delle vittime dei recenti attentati

Minuto di silenzio del Consiglio comunale lunedì 10 aprile 2017

03 Aprile 2017 Vietata la pubblicità di giochi con vincita in denaro vicino alle scuole

Unanime adozione ed immediata esecutività della delibera di Consiglio del 3 aprile 2017

03 Aprile 2017 Archiginnasio d'oro alla memoria di Giorgio Ghezzi

Unanime approvazione in Consiglio comunale lunedì 3 aprile 2017

03 Aprile 2017 Fermata linea 11 e Programma Lavori Pubblici

Ulteriori delibere approvate in Consiglio il 3 aprile 2017

03 Aprile 2017 Ricordo di Arcangelo Caparrini e Davide Fabbri

Minuto di silenzio del Consiglio comunale

23 Marzo 2017 Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie

Seduta solenne del Consiglio comunale il 24 marzo 2017.

16 Marzo 2017 In ricordo di Marco Biagi

Seduta solenne Consiglio comunale il 17 marzo 2017

Gli affari dei clan sulla pelle dei migranti

Allegati

La consigliera comunale Giulia Di Girolamo è intervenuta ad inizio seduta in Consiglio comunale in tema di migranti e gli interessi dei clan.

Di seguito il comunicato stampa ed il testo dell'intervento.

Questo è quanto emerge dalle intercettazioni registrate dalla Dda di Catanzaro che ha svelato gli
interessi delle cosche della 'ndrangheta sul CARA di Isola Capo Rizzuto, il secondo centro d'accoglienza
più grande d'Europa, che ha portato all'arresto di 68 persone. Un'indagine che ha coinvolto ecclesiastici e
imprenditori del crotonese. Già tre mesi fa, l'Espresso aveva raccontato il protagonismo delle 'ndrine
infiltrate nel settore dell'accoglienza, per un giro di affari di più di 100 milioni di euro in dieci anni,
risultato raggiunto grazie alla complicità della Confraternita della Misericordia,
di imprenditori e politici.
Ma torniamo a Bologna, meta preferita per gli investimenti della 'ndrangheta. Nel territorio bolognese gli
interessi economici di uomini delle 'ndrine quali Di Gennaro, Romano e Arena, coinvolti nella suddetta
inchiesta, risalgono già al 2013, i quali riuscirono a concludere già allora ottimi affari che risultarono
molto fruttuosi e per questo pensarono di espandersi prendendosi nuove fette di mercato. I soldi
dell'accoglienza quindi, soldi pubblici, venivano reinvestiti a Bologna nel settore delle slot machine.
L'indagine della procura guidata da Nicola Gratteri, oltre a ricostruire la gestione da parte dei clan della
'ndrangheta del centro Sant'Anna, fa emerge il protagonismo della cosca degli Arena nella gestione del
business del gioco d'azzardo a Bologna.
Come riportato dalla stampa in data 18 maggio, “è in questo ambito che seguendo le mosse di Antonio
Arena, figlio del boss Pasquale, gli investigatori sono stati in grado di documentare gli addentellamenti
della “famiglia” a Bologna. Non un episodio isolato, ma un vero e proprio piano d'espansione già in atto
da alcuni anni”.
Bologna si rivela ancora una volta un terreno fertilissimo per gli affari criminali e in particolare della
Kroton games, Bologna una città dove fare buoni investimenti tra la compiacenza di alcuni titolari di sale
gioco (disposti ad accogliere le macchinette dei calabresi), di società di bookmaker con interessi in Italia
e all'estero e la paura di altri. Un meccanismo affaristico ben oliato e in espansione.
Sempre come riporta la stampa, “per gli inquirenti una parte degli Arena prendeva soldi dell'accoglienza
dei migranti, mentre un'altra parte del gruppo faceva fruttare gli investimenti grazie al giro del gioco
d'azzardo. Un affare che nel tempo […] era già arrivato a fruttare qualcosa come 20 mila euro al giorno”.
Ma come sappiamo la nostra città non è nuova a questo tipo di affari illeciti.

Sono già intervenuta in questo Consiglio a proposito del Processo Black Monkey, il cui imputato principale Nicola Femia, chiamato anche “il re delle slot machine”, ha costruito un impero grazie proprio al business del gioco d'azzardo in tutta la nostra regione. Nicola Femia, condannato a 26 anni di carcere, ha deciso di
raccontare la sua ascesa criminale agli inquirenti, svelando legami con alcune famiglie 'ndranghetiste con
interessi forti nel nostro territorio e intrecci economici tra la Calabria e l'Emilia. Una testimonianza la
sua che potrebbe essere dunque decisiva per ricostruire gli interessi della 'ndrangheta al Nord,non solo
rispetto agli affari delle slot.
Abbiamo affrontato ancora in questo Consiglio il tema del gioco d'azzardo e la problematica della
ludopatia ad esso connessa, una vera e propria piaga sociale che va contrastata con forza e con la
collaborazione congiunta dei vari attori sociosanitari coinvolti.

Tuttavia, alla luce di quanto ho riportato nel mio intervento, credo che bisogna accendere un grande faro su questo fenomeno, affrontando con serietà l'aspetto economico, criminale e anche sociale che si nasconde dietro il business delle slot. Pertanto anticipo che chiederò quanto prima un'udienza conoscitiva alla terza commissione per approfondire e analizzare il tema, perchè credo fermamente che a questo tipo di argomenti vada data una lettura completa, senza trascurare quel dettaglio che molto spesso non vediamo, che le mafie riescono a tenere nascosto, ma c'è, esiste, si muove e si trasforma sotto i nostri occhi e che merita una grande
attenzione, da parte di tutti".